Artiste

Lina Scheynius

Nata nel 1981 a Vänersborg, in Svezia, Lina Scheynius attualmente vive e lavora a Londra dal 2001. Era al culmine di una carriera di modella di successo quando iniziò a sperimentare con la creazione di immagini. Si è iscritta a Flickr nel 2006, senza un particolare programma, ed è stata “sopraffatta dalla risposta” alle sue candide e sensuali istantanee. Infatti, la fotografa svedese era, nei primi anni Duemila, la regina di Flickr. Allora, postava foto della sua vita, dei suoi amici, e di se stessa. Le sue foto si facevano riconoscere per la loro natura estremamente intima e “sincera”.

Fotografia dalla serie "diary 2002 - 2006", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2002 – 2006“, Lina Scheynius

Ho iniziato a fare foto quando ho ricevuto la mia prima macchina fotografica, in occasione del mio decimo compleanno. Sono abbastanza sicura che la prima foto sia stata uno scatto di me riflessa nello specchio e dei miei piedi” spiega l’artista.

 Fotografia dalla serie "diary  2008 - 2012", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2008 – 2012“, Lina Scheynius

Decise di lasciare l’industria della moda per dedicarsi a tempo pieno a alla fotografia e presto si dedicò alle collaborazioni con Vogue, Dazed e AnOther Magazine, accattivando il pubblico con i suoi autoritratti intimi, in stile documentaristico, le immagini di persone care e delicate nature morte. La sua padronanza dell’illuminazione, l’occhio acuto per il colore e la propensione a composizioni insolite rendono anche il più banale dei soggetti affascinanti.

Fotografia dalla serie "diary 2015 - 2017", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2015 – 2017“, Lina Scheynius

Ho iniziato a fare la modella a 16 anni e sono stata mandata a Milano per l’estate. L’estate successiva sono andata a Londra e, dopo aver finito la scuola, ho iniziato a passare sempre più tempo all’estero. Non ero molto felice da adolescente nella Svezia della piccola città: ho sognato Stoccolma prima e dopo Parigi. Ho provato a vivere in entrambe le città e a New York, ma mi sentivo libera di essere me stessa quando ero a Londra, e ho incontrato persone che volevo davvero avere intorno, così ho continuato a tornarci” dichiara Lina.

 Fotografia dalla serie "diary (amanda) 2007 - 2009", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary (amanda) 2007 – 2009″, Lina Scheynius

Lina cattura le scene della sua vita quotidiana, esplorando e osservando amici, amanti e se stessa con abbondante onestà. Univocamente voyeur e partecipante allo stesso tempo, il sottotono sessuale sorprendentemente forte e la nudità, piacevolmente esplicita ma sospesa, nel suo lavoro sfida le teorie tradizionali del ruolo femminile come inattivo e oggettivato. Documentario e momentaneo, il suo mondo delle immagini di è un diario visivo profondamente personale e franco che rappresenta l’attuale zeitgeist. Attraverso una fluidità narrativa, le sue immagini trasportano lo spettatore nel mondo intimo dell’artista, condividendo alcuni dei dettagli più privati ​​della sua vita.

Fotografia dalla serie "diary 2015 - 2017", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2015 – 2017“, Lina Scheynius

Come la stessa Lina spiega, “il mio soggetto preferito sono le piccole cose che mi sono vicine e mi sono care. La luce è una di queste, una delle più importanti. La maniera in cui la luce può cambiare. Ma sono anche una divoratrice d’immagini, per cui trovo delle fonti eccezionali d’ispirazione per esempio nelle foto di Araki o nel lavoro di artisti come Marina Abramovic, Jochen Lempert e Esther Teichmann“.

Fotografia di Lina Scheynius
Fotografia di Lina Scheynius

In modo molto spontaneo continua oggi a mescolare immagini che appaiono quanto mai private e foto di moda, l’intimità e la spontaneità delle sue bellissime foto sono la sua firma stilistica. Scatta per documentare, per analizzare, per tenere insieme fotogrammi della sua vita come volesse creare delle note visive di esperienze e momenti catturati per durare nel tempo.

  Fotografia dalla serie "diary  2012 - 2014", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2012 – 2014“, Lina Scheynius

Il suo stile è inequivocabile: la calda luce del sole tocca il soggetto che sembra sicuro e fragile nello stesso momento. La sua nudità esposta sfida continuamente il ruolo del corpo femminile, tra inattivo e oggettivato, e porta lo spettatore a costruire un rapporto intimo con l’artista stessa che mostra il proprio corpo come un pezzo di lavoro.

  Fotografia dalla serie "diary  2012 - 2014", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2012 – 2014“, Lina Scheynius

La giovane fotografa specifica che “non è che ho bisogno di farlo perché sono una femminista. Non mi piace avere un’etichetta messa su quello che faccio, mi sento come se lo si rendesse più piccolo e lo mettessi una scatola. Ma toccherò alcuni argomenti che generalmente rientrano nell’attuale ombrello femminista, come i miei autoritratti e l’apertura e l’amore per il corpo femminile naturale”.

Fotografia dalla serie "diary 2015 - 2017", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2015 – 2017“, Lina Scheynius

Attraverso la sua ritrattistica leggera e le nature morte sensuali, la fotografa Lina Scheynius offre agli spettatori scorci frammentari nel suo mondo e ai momenti curiosi e piccanti con cui la presenta. Il suo lavoro è carnoso, tattile, seducente; si sofferma su una texture – lenzuola di cotone stropicciate che coprono un busto liscio, soffici schiume di shampoo bianchi che rivestono eleganti capelli bagnati – e accompagnata dall’illuminazione (solitamente naturale) per dare un tocco sognante, quasi ultraterreno, a ciò che ci pare familiare.

Fotografia dalla serie “diary 2012 – 2014“, Lina Scheynius

Faccio io i miei libri e dal 2008 ne pubblico uno ogni anno in media. Lo faccio tutto da sola. Non sono sicura se ho scelto un tema, ad essere onesta, di solito seleziono le foto da un periodo specifico della mia vita, poi le stampo tutte e le metto sul pavimento. Quando ho rimosso abbastanza fotografie, le appoggio a un muro e, successivamente, le trasferisco su InDesign” spiega l’artista.

   Fotografia dalla serie "flowers  2015 - 2018", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “flowers 2015 – 2018“, Lina Scheynius

In uno dei suoi ultimi volumi, intitolato “06“, le immagini a colori sono un tripudio tra giochi di luce, arcobaleni, riflessi di lente come ad accompagnare l’estasi di un’erezione, baci e dettagli sempre più stretti che sfociano anche nel bianco e nero. Il contenuto apertamente sessuale delle immagini può essere sgradevole per alcuni –“06” potrebbe facilmente essere visto come “oversharing” o una rappresentazione inutilmente esplicita di relazioni. 

  Fotografia dalla serie "diary  2012 - 2014", Lina Scheynius
Fotografia dalla serie “diary 2012 – 2014“, Lina Scheynius

La Scheynius lascia e racconta le sue attuali relazioni fisiche -il desiderio, l’esaurimento, la sensualità, l’isolamento e lo stare insieme, la leggerezza e l’intimità occasionale. Come un diario personale, “06” non significa che necessariamente debba fornire risposte o debba offrire una narrazione, piuttosto offre una breve vista penetrante attraverso la finestra di Lina.

Link

http://www.linascheynius.com/linascheynius_CV

https://www.anothermag.com/art-photography/11222/a-photographic-ode-to-flowers-by-lina-scheynius

https://www.vice.com/it/article/wdwben/lina-scheynius-fotografa-nudi

https://metalmagazine.eu/en/post/interview/lina-scheynius-the-hunter-hunted-alba-yruela

https://christopheguye.com/artists/lina-scheynius/biography

https://www.lacollectionneuse.me/blog/2018/8/20/lina-scheynius-feminine-intimacy

http://www.musemagazine.it/it/lina-scheynius-2/

http://www.ukizero.com/lina-scheynius-06-un-diario-fotografico/

https://oakthenordicjournal.com/lina-scheynius/