Artiste

Joana Choumali

Joana Choumali (Abidjan, Costa d’Avorio, 1974) è una fotografa freelance. Ha studiato arti grafiche a Casablanca (Marocco) e, prima di iniziare la carriera come fotografa, ha lavorato come Art Director per McCann-Erickson. Nei suoi lavori più recenti ha esplorato temi complessi come la femminilità, la bellezza e la rappresentazione del corpo nella società contemporanea africana.

  Fotografia dalla serie "Haabre, The Last Generation", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Haabre, The Last Generation“, Joana Choumali

Lavora principalmente su ritratti concettuali, media misti e documentari. Usa la sua fotografia per esplorare la propria identità. Gran parte del suo lavoro si concentra sull’Africa e ciò che lei come africana e sta indagando sulla miriade di culture intorno a lei. Il suo lavoro le permette di esplorare le supposizioni che ha e che nutre, mentre espande le sue concezioni del mondo.

  Fotografia dalla serie "Emotions a Nu", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Emotions a Nu“, Joana Choumali

Crede che alludere alla femminilità sia sufficiente a farla brillare e ritiene che non sia necessario che una foto sia dimostrativa. Sostituisce i gesti forti con la decenza e la sottigliezza. Le sue foto non cercano di promuovere o persuadere, ma di mettere in luce l’eguale umanità di uomini e donne.

   Fotografia dalla serie "Adorn", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Adorn“, Joana Choumali

Emotions a Nu

Essere nudi non è niente da nascondere, non ha nemmeno bisogno di parole perché il corpo parla da solo” come diceva Victor Lévy Beaulieu.

  Fotografia dalla serie "Emotions a Nu", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Emotions a Nu“, Joana Choumali

Emotions a Nu” è una serie di ritratti femminili senza volto. Come la “nuda verità“, umana, bella senza fronzoli, senza trucco. Le donne sono plurali, fragili e forti. Questo lavoro è un viaggio intimo, uno stato emotivo per un altro, una ricerca tranquilla verso l’auto-accettazione fisica e la serenità.

  Fotografia dalla serie "Emotions a Nu", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Emotions a Nu“, Joana Choumali

Resilients

Da bambina, Joana si recava ad Adaou, una piccola città nel sud-est, per visitare sua nonna, una contadina e una commerciante. Spesso sentiva una disconnessione culturale in quanto non parlavano la stessa lingua o non condividevano esperienze di vita. Dopo che sua nonna è morta nel 2001, ha lamentato di aver perso parte della sua storia familiare e ha messo in dubbio la sua identità di africana.

Fotografia dalla serie "Resilients", Joana Choumali, 2014
Fotografia dalla serie “Resilients“, Joana Choumali, 2014

Questa esperienza ha ispirato la sua serie di ritratti del 2014, “Resilients“, che documenta le giovani donne africane professioniste che hanno anche lottato per connettersi al passato tradizionale della loro famiglia. L’unico requisito era che le donne dovessero indossare abiti tradizionali già indossati dalla loro nonna o da una parente anziana, sottolineando il legame tra passato e presente.

Fotografia dalla serie "Resilients", Joana Choumali, 2014
Fotografia dalla serie “Resilients“, Joana Choumali, 2014

Le donne africane, che hanno così tante facce e realtà, sono sicuramente una delle più belle espressioni dell’Africa. In loro, sono concentrati, sia i punti di forza che le spaccature del continente. I suoi regressi e le sue modernizzazioni. Mentre l’Africa è stata così tante volte profanata, loro sono lì.

Fotografia dalla serie "Resilients", Joana Choumali, 2014
Fotografia dalla serie “Resilients“, Joana Choumali, 2014

Il ruolo del sesso definito per le donne in Africa cambia in base a dove vivono: città o villaggio. Tra ruralità e città-dimora, i profili si evolvono. La città è liberatrice e i paesi portano enormi metropoli nei loro nuclei. Quindi, le donne sono più libere e sfuggono al villaggio e ai suoi costumi, considerati retrogradi.

Fotografia dalla serie "Resilients", Joana Choumali, 2014
Fotografia dalla serie “Resilients“, Joana Choumali, 2014

Le “Resilients” mostrano che il lignaggio è inestinguibile. Rivestite con ornamenti delle loro madri e nonne, rivelano i loro lasciti. Si tratta di un’eredità. Le donne nere, rivelate nella loro ‘ancestralità’, attraverso le loro fotografie, dimostrano l’importanza del loro patrimonio culturale.

 Fotografia dalla serie "Nappy!", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Nappy!“, Joana Choumali

Un’altra serie fotografica, “Nappy!“, è una raccolta di ritratti sul ritorno ai capelli afro naturali, un incentivo per un viaggio interiore e sognare ad occhi aperti. Un omaggio alla bellezza nera.

 Fotografia dalla serie "Nappy!", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Nappy!“, Joana Choumali

Awoulaba / Taille Fine

Questo progetto esplora la complessa e contraddittoria nozione di femminilità, bellezza e immagine del corpo nell’Africa contemporanea e, per estensione, forse, in ogni mondo femminile contemporaneo, come osservato con l’improvvisa ossessione mondiale di sederi e seni abbondanti. Joana ha documentato i produttori locali della Costa d’Avorio che producono manichini personalizzati per il gusto e le forme africani. È un fenomeno recente, iniziato solo nel 2011, ma già di grande successo. I produttori locali modificano o creano manichini, con forme del corpo più associate a quelle delle donne africane: fianchi larghi, seni ben riempiti, braccia piene. Li hanno persino dipinti a colori più scuri, a volte. Questo tipo di manichino si chiama “Awoulaba“, che significa “reginetta di bellezza” nella lingua della Costa d’Avorio.

Fotografia dalla serie "Awoulaba / Taille Fine", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Awoulaba / Taille Fine“, Joana Choumali

Taille Fine“, invece, è il termine usato per identificare modelli o manichini secondo gli standard occidentali di bellezza. Oltre all’aspetto documentario del progetto, Joana indaga il concetto di bellezza e perfezione del corpo.

Il progetto è composto da due parti. Un primo gruppo di immagini più documentario, che mostra l’artigianato e le opere dei produttori. Sono così orgogliosi dei loro prodotti finali da arrivare al punto di trattarli come persone vere e hanno l’abitudine di documentare le loro creazioni per i cataloghi di negozi alla maniera dei veri ritratti.

Fotografia dalla serie "Awoulaba / Taille Fine", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Awoulaba / Taille Fine“, Joana Choumali

C’è un secondo gruppo di immagini in cui Joana sovrappone le immagini delle parti del corpo delle donne reali alle forme perfette dei manichini. Evocano le celebrità “venere” che incarnano la “bellezza perfetta” nella cultura popolare: Kim Kardashian (la “bianca awoulaba”), Nikki Minaj (la awoulaba dalla “pelle chiara”) Naomi Campbell (la nera taille fine), Lupita Niango (la nera taille fine) Beyonce ( (la awoulaba dalla “pelle chiara”).

Fotografia dalla serie "Awoulaba / Taille Fine", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Awalaba / Taille Fine“, Joana Choumali

Queste composizioni concettuali costituiscono le rappresentazioni ibride di ciò che una “donna perfetta” dovrebbe essere: quella reale e quella perfetta, tutte allo stesso tempo. l’immagine si traduce in insiemi sconcertanti e destabilizzanti di forme e simboli, colori e idee: si è ancora in grado di decifrarli e riconoscerli, ma è impossibile apprezzarli o, soprattutto, identificarsi con essi.

Fotografia dalla serie "Awoulaba / Taille Fine", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Awoulaba / Taille Fine“, Joana Choumali

Adorn

La serie fotografica “Adorn” si occupa delle donne senegalesi contemporanee che reinterpretano gli standard di bellezza europei con il make-up moderno.

Ero abituata a vedere le foto online di donne del Mali e del Senegal con make-up stravaganti. Avevano le sopracciglia rasate e ridisegnate con tatuaggi all’henné o permanenti, un eccesso di fondotinta in polvere e una quantità abbondante di blush sui loro zigomi prominenti. Avevano ridisegnato le labbra con una matita marrone scuro e poi le hanno colorate con del gloss” spiega Joana.

   Fotografia dalla serie "Adorn", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Adorn“, Joana Choumali

E prosegue: “le donne sono creative nei loro sforzi per creare l’immagine perfetta. Decorano e seducono. Non sono timide, si sforzano di farsi notare, di accontentare e stupire. E vengono celebrate durante battesimi e matrimoni, eventi sociali in cui lampeggiano. Eppure, alcuni criticano questo trucco appariscente. Inizialmente, anch’io sono rimasta scioccata dalla loro estetica. Mi sembrava innaturale. Ma, attraverso il processo di produzione di questo lavoro, le mie impressioni sono cambiate. Ho iniziato a vedere queste donne come artiste a pieno titolo, con creatività senza limiti. Dipingono i loro volti in uno stile surreale; scolpiscono la loro stessa seduzione. Si abbelliscono e così facendo abbelliscono la realtà“.

   Fotografia dalla serie "Adorn", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Adorn“, Joana Choumali

La loro estetica sembra essere in contrasto con le nozioni contemporanee di “raffinatezza” e “buon gusto”. Ma stanno creando la loro moda, brillando nel loro ambiente e lo stanno facendo ora, quindi è per definizione contemporaneo.

   Fotografia dalla serie "Adorn", Joana Choumali
Fotografia dalla serie “Adorn“, Joana Choumali

Ma il loro sguardo solleva ancora delle domande. Perché la polvere del fondotinta è molto più leggera del colore della pelle originale? Qual è questo disperato bisogno di distinguersi e di essere ammirato? Che cosa implica la pratica del trucco oltraggioso? È una forma di protezione? Mi interessa anche il modo in cui queste donne trasformano i codici di bellezza occidentali. Usano il trucco europeo, ma lo reinterpretano a loro immagine” conclude la fotografa.

Link

http://joanachoumali.com/index.php/about

http://www.artbaseafrica.org/artist/joana-choumali-

https://en.wikipedia.org/wiki/Joana_Choumali

https://eyesopen.it/author/eojc/

https://www.lensculture.com/articles/joana-choumali-haabre-the-last-generation

https://www.lensculture.com/articles/joana-choumali-emotions-a-nu