Artiste

Sarah Maple

Sarah Maple è nata nel 1985 in Inghilterra da madre iraniana musulmana e padre inglese cresciuto come cristiano. Nel 2003, ha frequentato un corso di base presso l’Università delle arti creative. Quattro anni dopo, ha ricevuto una laurea in Belle Arti con lode alla Kingston University.

"White girl", Sara Maple, 2007
White girl“, Sara Maple, 2007

E’ un’artista premiata per le sue opere, che spaziano dalla pittura alla fotografia, audaci, coraggiose, maliziose e occasionalmente controverse che sfidano le nozioni di identità, religione e status quo. Gran parte dell’ispirazione di Sarah deriva dalla sua mescolanza di cultura religiosa e culturale.

"Sharia law the second", Sarah Maple, 2008
Sharia law the second“, Sarah Maple, 2008

Infatti, è nota per le sue opere spiritose, giocose e controverse. Si occupa di argomenti tabù come la religione, un argomento che risuona in particolare con la sua crisi di identità e lotta per trovare il suo posto nella società in crescita. È attraverso le sue immagini che ha imparato ad abbracciare il suo background culturale. Ha creato arte per denunciare le disuguaglianze nella società. Non offre risposte, ma pone domande su cui la società deve soffermarsi.

   "Lollypop Lollypop", Sarah Maple, 2011
Lollypop Lollypop“, Sarah Maple, 2011

Penso che l’idea di “Dio” sia qualcosa che contenga il concetto di uguaglianza per tutte le persone. E penso che il femminismo riguardi l’uguaglianza! Penso che la dichiarazione [“God is feminist”] funzioni con la potente posizione della donna. Volevo anche fare una dichiarazione sulla percezione della donna musulmana “vittimizzata” dice l’artista.

  "The opposite to a feminist", Sarah Maple, 2009
The opposite to a feminist“, Sarah Maple, 2009

Il suo lavoro spesso assume scene e situazioni inventate. È influenzata dal mondo dell’arte, così come dai suoi dintorni generali; compresi amici, famiglia, media e cultura popolare. Il suo lavoro è fortemente ispirato dalla politica, dalla commedia e dalla letteratura. Crede che queste influenze siano veramente intessute nella sua arte e forniscano la base su cui si realizza il suo lavoro.

 "Self portrait with fried eggs", Sarah Maple, 2008
Self portrait with fried eggs“, Sarah Maple, 2008

Gran parte dell’ispirazione di Sarah deriva dall’essere cresciuta come musulmana, con genitori di ambienti religiosi e culturali misti. Dissimulando le linee tra cultura pop e devozione religiosa in modo infallibile, la narrativa estetica di Sarah sollecita lo spettatore a sfidare le tradizionali nozioni di religione, identità e ruolo sociale delle donne.

"Self portrait with melons", Sarah Maple, 2008
Self portrait with melons“, Sarah Maple, 2008

È interessante – spiega a proposito dei commenti ricevuti – perché sei esposto a tutti questi punti di vista individuali da cui gli artisti sarebbero stati protetti prima. Mi chiedo come possa avere effetti sui lavori degli artisti. Mi chiedo se questo li renda migliori o peggiori. Forse è solo una parte della vita ora, i social media sono ancora una cosa relativamente nuova in realtà. Non credo nella censura e penso che la libertà di parola sia estremamente importante, ma c’è una differenza tra condividere un’opinione e dire che non sei d’accordo e minacciare di violentare qualcuno su Twitter. Quella non è la libertà di parola, è solo essere un coglione“.

 "I'm an edgy, contemporary artist", Sarah Maple, 2010
“I’m an edgy, contemporary artist“, Sarah Maple, 2010

Signs

Il trittico fotografico “Signs” del 2007 è stato il risultato dell’aver scoperto che i maschi erano celebrati e considerati più seriamente delle loro coetanee . L’artista ha usato la sua immagine in tre modi diversi: la prima mostra l’artista che sorride, indossa un abito tradizionale islamico – un hijab (un velo che copre la testa, le spalle e il petto) e salwar kameez (che è il vestito con i pantaloni) – mentre tiene un cartello “I wish I had a penis” (“Vorrei avere un pene“); poi vediamo l’artista molto truccata in biancheria intima di pizzo rosso con i capelli sciolti e un cartello con scritto “Because then I’d fuck you” (“Perché così ti scoperei“); e, infine, l’artista indossa un abito formale e regge il cartello “Then steal your job” (“poi ruberei il tuo lavoro“). In una singola serie di immagini, l’artista assume gli aspetti più oppressivi del patriarcato, prendendo di mira le disuguaglianze di genere di religione, sesso ed economia. “È così che andava la scuola e così è il mondo dell’arte“, ha detto. “È ancora il mondo di un uomo, sfortunatamente. Gli uomini prendono sul serio gli altri uomini“.

"Signs", Sarah Maple, 2007
Signs“, Sarah Maple, 2007

Not 30%

Not 30%” è una mostra di artiste per sole donne che cerca di migliorare la disparità di genere aumentando la percentuale di donne rappresentate nel mondo artistico. Il 60% degli studenti d’arte sono donne, ma attualmente solo il 30% è esposto nelle gallerie di Londra, quindi dove sono?

Not 30%“, Sarah Maple

Quando ero più giovane avevo la cieca fiducia e l’ingenuità di avere le stesse opportunità degli uomini, non mi venne in mente che non le avrei avute. Riesci a capire la confusione e la rabbia che ho provato quando ho capito che non era così? Poi la mia arte è decollata davvero! Il mio viaggio nel mondo dell’arte dominato dagli uomini è molto frustrante”.

An artist and a female artist“, Sara Maple, 2012

Penso che le persone prendano il tuo lavoro meno sul serio a livello intellettuale. Devi provare il doppio per essere preso sul serio. Ogni volta che guardo il sito di una galleria, conto sempre quante donne ci sono rispetto agli uomini. Di solito è circa il 30% o meno. L’ho fatto su un sito l’altro giorno e non era rappresentata una sola donna! Alcune gallerie pensano davvero che il lavoro delle donne non valga la pena di essere mostrato o supportato? Abbiamo davvero meno da dire? È molto frustrante” conclude la fotografa.

Disney Princess Series

 Fotografia dalla serie "Disney Princess Series", Sarah Maple, 2011
Fotografia dalla serie “Disney Princess Series“, Sarah Maple, 2011

Nel 2011 ha creato la sua “Disney Princess Series“. Ha collezionato i costumi da dress-up principeschi “più belli di eBay” per creare potenti immagini che ritraggono le sei principesse Disney più famose in lavori di alta potenza, tradizionalmente maschili: la Bella Addormentata esegue un’operazione a cuore aperto; la Sirenetta domina la sala riunioni; Belle urla fuori dal campo come un manager di calcio da favola; Cenerentola si laurea; Jasmine nelle vesti di un giudice e Biancaneve come scienziata.

 Fotografia dalla serie "Disney Princess Series", Sarah Maple, 2011
Fotografia dalla serie “Disney Princess Series“, Sarah Maple, 2011

Not My Cup of Tea

Rifiutandosi di essere intimidita, Sarah ha sempre mostrato al mondo dell’arte come rendere essa politica, tangibile, maliziosa e stimolante. E con l’alba di Trump e della Brexit, la sua opera rimane combattiva come sempre.

Fotografia dalla serie "Brexit", Sarah Maple, 2017
Fotografia dalla serie “Brexit“, Sarah Maple, 2017

Alla fine del 2017, ha creato una serie di immagini in risposta alla Brexit, intitolata “Not My Cup of Tea“. Esplora questioni importanti ora più che mai, sull’integrazione e l’immigrazione, i “valori britannici” e l’attuale visione del mondo dell’Islam. Dopo il drammatico aumento dell’islamofobia e della xenofobia in tutto il mondo dopo il 2016, Sarah sentì il bisogno di affrontare questo argomento tabù, dando voce alle persone “altro” e politicamente alienate dalla società.

Fotografia dalla serie "Brexit", Sarah Maple, 2017
Fotografia dalla serie “Brexit“, Sarah Maple, 2017

Sarah usa le sue immagini per trascinare lo spettatore nel suo vortice, combattendo contro ogni insidiosa pressione sociale e culturale. Poi, una volta lì, lancia il suo messaggio sullo spettatore, quasi inesorabile nel suo attivismo femminista. Prendendo in giro le ipotesi di genere, culturali e religiose nei suoi dipinti, fotografie e mostre, stravolge le presunzioni dello spettatore.

"Votes for women", Sarah Maple, 2011
Votes for women“, Sarah Maple, 2011

La satira ci permette di dire l’indicibile. Ed è anche un ottimo modo per far passare un messaggio” spiega l’artista.

Mentre il corpo femminile è stato criticato e scrutato, trattato come una merce e sabotato in altro modo, ha escogitato modi per utilizzare questi atteggiamenti e perturbarli. È un’artista incendiaria che usa le sue esperienze e le sue osservazioni sulla discriminazione come componente centrale della sua arte.

Link

https://www.sarahmaple.com/

https://en.wikipedia.org/wiki/Sarah_Maple

https://www.meero.com/en/news/photography/360/Sarah_Maple_A_Bold_Brave_But_Controversial_Visual_Artist

https://www.pocko.com/islam-and-feminism-sarah-maple/

https://www.dazeddigital.com/art-photography/article/43081/1/artist-sarah-maple-american-politics-us-debut-show-thoughts-and-prayers

https://www.goodtroublemag.com/home/sarah-maple

http://artpulsemagazine.com/humor-feminism-artsarah-maple

https://www.widewalls.ch/sarah-maple-interview/