Artiste

Elinor Carucci

Nata nel 1971 a Gerusalemme, Israele, Elinor Carucci si è laureata nel 1989 alla Rubin Academy High School of Dance and Music di Gerusalemme dove si è specializzata in musica. Ha poi lavorato nell’esercito israeliano per due anni dal 1989 al 1991 e si è laureata nel 1995 all’Accademia di Belle Arti e Design di Bezalel con una laurea in fotografia. Nello stesso anni si è trasferita a New York. In un tempo relativamente breve, il suo lavoro è stato incluso in una quantità impressionante di mostre personali e collettive in tutto il mondo.

 Fotografia dalla serie "Pain", Elinor Carucci, 2003
Fotografia dalla serie “Pain“, Elinor Carucci, 2003

Ha ricevuto l’International Center of Photography’s Infinity Award per Young Photographer nel 2001, The Guggenheim Fellowship nel 2002 e NYFA nel 2010. Elinor ha pubblicato tre monografie fino ad oggi; “Closer” (2002), “Dairy of a Dancer” (2005) e “Mother” (2013). Pur mantenendo una pratica fotografica, ha anche insegnato alla Princeton University e attualmente insegna alla School of Visual Arts di New York. Inoltre, sta tornando a fotografare i suoi bambini e i loro cicli sociali come adolescenti e sta lavorando a un progetto sulla mezza età.

  "Eran and I" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1998
Eran and I” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1998

Quando Elinor è dietro la macchina da presa, la distinzione tra momenti pubblici e privati ​​scompare. Per oltre due decenni, Carucci ha offerto uno sguardo risoluto alla sua vita privata mentre lasciava la sua famiglia a Gerusalemme, si trasferiva a New York City e creava una famiglia tutta sua. Il suo lavoro è stato celebrato per la trasformazione dei dettagli spesso trascurati della vita di ogni giorno in irresistibili espressioni di emozione e intimità.

 "Armpit" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1997
Armpit” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1997

Il suo lavoro si immerge costantemente nel personale, ma sempre con l’obiettivo di trovare un significato universale. Le sue fotografie riflettono le qualità dell’estetica dell’home-photo-album istantanea, ma anche quella dell’immagine teatralmente messa in scena. In questo, si sciolgono i confini tra i due estremi di Nan Goldin e Sally Mann, due delle sue più grandi ispirazioni. La qualità scenica di molte delle sue fotografie evoca spesso le domande degli spettatori sulla loro autenticità.

"Revlon" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1997
Revlon” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1997

Le sue fotografie potrebbero essere descritte come ‘realtà accresciuta’, accese, come spesso sono le scene di un’opera teatrale. Questo dà loro una qualità autoreferenziale. Ha osservato che, per lei, ciò che è veritiero è non necessariamente correlato al fatto che sia messo in scena o meno. Nelle sue fotografie cerca quella che lei chiama “verità emotiva”, dove l’autenticità e la teatralità possono coesistere.

 "Nipple hair" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1996
Nipple hair” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1996

Il suoi scatti sono caratterizzati da un’inflessibile onestà, che sembra manifestarsi soprattutto nella predilezione per fotografare i suoi soggetti svestiti. Predilezione che non è sempre frutto di una scelta deliberata quanto una conseguenza di uno stile di vita che a lei era sempre parso “normale”, fino a che non si è confrontata con le reazioni della gente. Non aveva affatto l’intenzione di provocare, ma si è resa conto che certe sue foto ammiccavano a certi tabù e a certe tensioni inespresse, e neanche pensabili: ma forse, viene da dire guardando le foto, fotografabili. 

 "My father and I" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1999
My father and I” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1999

In un’intervista Elinor rivela che la sua fotografia documenta la vicinanza con i suoi familiari, ma al tempo stesso risponde ad un bisogno di indipendenza, di stabilire un confine, di mettere una certa distanza tra loro e se stessa. Una sorta di “connessione distaccata”, si potrebbe forse tradurre.

"Menstrual period" dalla "Closer", Elinor Carucci, 2000
Menstrual period” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 2000

Il lavoro di Elinor è un percorso per la sua voce coraggiosa per iniziare una conversazione sugli eventi della sua vita. Che si tratti dei momenti difficili di essere genitori o di mostrare momenti vulnerabili nella sua relazione personale con i suoi genitori, suo marito, i figli o se stessa; Carucci non ha mai evitato di esporre le sue emozioni.

 "My belly with bleach cream" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1998
My belly with bleach cream” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1998

Come menzionato nel numero 12 della rivista Dear Dave: non ha mai abbandonato i fatti e i dettagli della sua vita. Nelle fotografie che sono ancora rivelatrici, Elinor ha messo in scena il territorio dell’intimità domestica per più di vent’anni. Ha registrato i primi anni di romanticismo e le sue strette relazioni con i suoi genitori in Israele: possiamo osservarla mentre si guadagna da vivere come ballerina o mentre immortala il ventre gonfio di quando era incinta di due gemelli. Ha documentato senza paura il suo corpo post-partum, il casino dei bambini e quando il suo matrimonio era in crisi.

"Mom takes a bath" dalla "Closer", Elinor Carucci, 2001
Mom takes a bath” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 2001

Closer (2002)

 "Father touches my hair" dalla "Closer", Elinor Carucci, 2001
Father touches my hair” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 2001

La sua prima monografia, “Closer“, contiene il lavoro incentrato sulla famiglia e sui suoi rapporti più stretti. Un articolo di Time Lightbox del 2013 riassume il significato: “Closer” racconta la relazione tumultuosa di Elinor con suo marito e i suoi genitori in modo gentile, con, però, un sacco di note alte; il flusso e riflusso quotidiano delle relazioni sono amorevolmente e generosamente documentati, mentre le narrazioni più grandi si svolgono sullo sfondo”.

"Bite 1" dalla "Closer", Elinor Carucci, 2000
Bite 1” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 2000

Come Elinor descrive nell’introduzione a Closer, “la fotocamera era, in questo senso, sia un modo per avvicinarsi, sia per liberarsi. È stata una testimonianza di indipendenza e un nuovo modo di relazionarsi. Un confine, una distanza, così come la documentazione della vicinanza. Potevo vedere mia madre, mio ​​marito, mio ​​padre, allo stesso tempo in modo distaccato e vicino…”

  "Zippermark" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1999
Zippermark” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1999

Le cose che avevo considerato marginali andavano dalla deriva al centro e spesso diventavano temi a sé stanti. Ironia della sorte, più mi sono avvicinato ai dettagli, più ho ingrandito i temi più universali. Il trasloco si è rivelato in uscita. Il lavoro sui minimi dettagli – un segno sulla pelle, un punto, un capello, un occhio, un bacio – ha portato il lavoro oltre i confini della mia famiglia” conclude.

"Bite 2" dalla "Closer", Elinor Carucci, 2001
Bite 2″ dalla “Closer“, Elinor Carucci, 2001

In un articolo di The Daily Telegraph viene detto: “Mentre le immagini descrivono la vulnerabilità del nostro io maturo e corporeo, descrivono anche i piaceri sensuali e sessuali che si possono avere nella vita apparentemente proprio accanto a noi: baciare, accarezzare, toccare, abbracciare, mangiare, fare il bagno, godersi il sesso. Dopo tutto, vediamo tre generazioni della stessa famiglia nelle pagine del libro. I temi sono molti, che vanno dall’identità femminile alla famiglia alla mortalità“.

 "Making love" dalla "Closer", Elinor Carucci, 1999
“Making love” dalla “Closer“, Elinor Carucci, 1999

Diary of a Dancer

   Fotografia dalla serie "Diary of a dancer", Elinor Carucci
Fotografia dalla serie “Diary of a dancer“, Elinor Carucci

La sua seconda monografia, “Diary of a Dancer“, documenta l’esperienza di Elinor come danzatrice del ventre mediorientale professionista che si esibisce in eventi come matrimoni e bar/bat mitzvah nei cinque quartieri di New York.

   Fotografia dalla serie "Diary of a dancer", Elinor Carucci
Fotografia dalla serie “Diary of a dancer“, Elinor Carucci

Per lei è stato difficile ballare e fotografare se stessa, quindi, spesso, è stata aiutata marito Eran. Le immagini in questo lavoro mostrano l’artista che si trucca e si prepara per lavoro nei bagni dall’aspetto triste e sui vagoni della metropolitana, istantanee delle sue danze e delle persone che intrattiene.

   Fotografia dalla serie "Diary of a dancer", Elinor Carucci
Fotografia dalla serie “Diary of a dancer“, Elinor Carucci

Crisis (2001-2003)

  "Love, in spite" dalla "Crisis", Elinor Carucci, 2003
Love, in spite” dalla “Crisis“, Elinor Carucci, 2003

Questo corpo di lavoro narra un momento tumultuoso nel suo matrimonio con Eran, in cui stavano lavorando sulla sua infedeltà, il dolore fisico ecronico e l’abuso di droghe. Queste fotografie guardano direttamente nell’oscurità dei post-litigi, così come nei loro momenti delicati.

"After argument" dalla "Crisis", Elinor Carucci, 2003
After argument” dalla “Crisis“, Elinor Carucci, 2003

Elinor ha raccontato come fotografare questo processo li abbia effettivamente avvicinati, poiché, alla fine, si sono dimostrati l’un l’altro che il loro amore reciproco è tenuto sopra ogni altra cosa. Fotografare era, quindi, un modo di riconnessione.

 "Guilt" dalla "Crisis", Elinor Carucci, 2002
Guilt” dalla “Crisis“, Elinor Carucci, 2002

Mother (2013)

"Feeling me" dalla serie "Mother", Elinor Carucci, 2004
Feeling me” dalla serie “Mother“, Elinor Carucci, 2004

L’ultimo corpo di lavoro pubblicato da Elinor, “Mother“, esamina il mondo della sua stessa maternità. Cominciando durante la gravidanza dei suoi gemelli e finendo quando compiono otto anni, esplora le connessioni profondamente sensuali ed erotiche tra madre e figlio, tutti gli alti e bassi delle fotografie che riflettono la gamma della beatitudine ai momenti grezzi e meno attraenti. Combatte attivamente il perfetto cliché, estetico di Madonna e Bambino e vuole ritrarre la piena verità delle realtà della maternità.

   "My belly after giving birth and c section" dalla serie "Mother", Elinor Carucci, 2004
My belly after giving birth and c section” dalla serie “Mother“, Elinor Carucci, 2004

Nel 2004 sono diventata madre. Dopo una gravidanza felice, ho avuto un travaglio indotto. Ho subito un parto cesareo d’emergenza che mi ha lasciata ferita, debole e dolorante. Pochi giorni dopo sono stata rimandata a casa, per cominciare la mia nuova vita come madre di due gemelli. Ho cercato in qualche modo di affrontare il tutto attraverso la mia macchina fotografica, sperando di rappresentare la complessità della maternità il più onestamente possibile” spiega Elinor.

"Eden peeking" dalla serie "Mother", Elinor Carucci, 2008
Eden peeking” dalla serie “Mother“, Elinor Carucci, 2008

Fotografando i suoi figli ha raccontato il legame unico con loro, fatto di complicità fisica e totale. «Il fulcro del lavoro è il sentimento di unione con i miei figli. Sono rimasta stupita dalla forte connessione fisica, totale, sensuale, a volte erotica, che ho avuto con i bambini. Li guardo come madre, imparando molto, vedendo così tanto. Fotografarli mi costringe a vedere ancora di più e i bambini mi mostrano di più. Anche quando non sono con me, vedo più del mondo che mi circonda. Non ho mai visto così, come riesco a vedere ora, come una madre».

Fotografia dalla serie "Mother", Elinor Carucci, 2008
Fotografia dalla serie “Mother“, Elinor Carucci, 2008

Il suo ultimo libro, “Mother” , è una registrazione onirica e non romanzata della sua gravidanza e della prima maternità, continuando un linguaggio di fotografie evocative dell’infanzia che include il rivoluzionario libro del 1992 di Sally Mann, “Immediate Family“.

 "Why can't you be nicer to your brother" dalla serie "Mother", Elinor Carucci, 2012
Why can’t you be nicer to your brother” dalla serie “Mother“, Elinor Carucci, 2012

Link

http://www.elinorcarucci.com/

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Elinor_Carucci

https://www.google.com/amp/s/www.vanityfair.it/amp/104826/news/foto/2018/07/23/cortona-move-elinor-carucci-quando-sei-madre-e-vedi-il-mondo-ancora-di-piu

https://www.cortonaonthemove.com/exhibit/elinor-carucci/

https://riaperture.com/festival/mostre/elinor-carucci/

http://www.aaronschuman.com/carucciinterview.html

https://www.lensculture.com/articles/elinor-carucci-the-story-behind-the-cat-person-photo-published-by-the-new-yorker

https://www.google.com/amp/s/www.bhphotovideo.com/explora/amp/photography/features/a-studio-visit-with-elinor-carucci

https://www.huffingtonpost.it/2013/10/17/elinor-carucci-mother-fotografie_n_4113425.html

https://unaltradonna.wordpress.com/tag/elinor-carucci/

http://www.visuramagazine.com/elinor-carucci-a-retrospective

https://filterphoto.org/portfolio/photographing-the-familiar-with-elinor-carucci/

https://www.academia.edu/22880822/The_Intimate_and_the_Beatiful_Elinor_Carucci_in_Context