Artiste

Lalla Essaydi

Lalla A. Essaydi, nata nel 1956, è cresciuta in Marocco e ora vive negli Stati Uniti dove ha ricevuto il suo MAE alla School of the Museum of Fine Arts/TUFTS University nel maggio 2003. Il i suoi lavori sono stati esposti in molte importanti località internazionali ed è rappresentata inaltrettante collezioni, tra cui il Williams College Museum of Art, l’Art Institute di Chicago, il Fries Museum, l’Olanda e il Kodak Museum of Art.

Fotografia dalla serie "Converging Territories", Lalla Essaydi, 2003-2004
Fotografia dalla serie “Converging Territories”, Lalla Essaydi, 2003-2004

Influenzata dalle sue esperienze di crescita in Marocco e Arabia Saudita, Lalla esplora i modi in cui il gender e il potere siano inscritti nei corpi delle donne musulmane e negli spazi che abitano. Ha dichiarato che il suo lavoro è autobiografico e che è stata ispirata dalle differenze che ha percepito nella vita delle donne negli Stati Uniti rispetto al Marocco, in termini di libertà e identità. Esplora una vasta gamma di prospettive, comprese le questioni della diaspora e dell’identità.

Fotografia dalla serie "Converging Territories", Lalla Essaydi, 2003-2004
Fotografia dalla serie “Converging Territories”, Lalla Essaydi, 2003-2004

Nella mia arte, desidero presentarmi attraverso molteplici lenti – come artista, come marocchina, tradizionalista, liberale, musulmana. In breve, invito gli spettatori a resistere agli stereotipi” scrive Lalla sul suo sito.

Le serie fotografiche di della fotografa includono “Converging Territories” (2003-2004), “Les Femmes du Maroc” (2005-2006), “Harem” (2009), “Harem Revisited” (2012-2013), “Bullet” e “Bullet Revisited” (2012-2013).

Fotografia dalla serie "Converging Territories", Lalla Essaydi, 2003-2004
Fotografia dalla serie “Converging Territories”, Lalla Essaydi, 2003-2004

La sua arte, che spesso combina la calligrafia islamica con le rappresentazioni del corpo femminile, affronta la complessa realtà dell’identità femminile araba con la prospettiva unica dell’esperienza personale. In gran parte del suo lavoro, ritorna alla sua fanciullezza marocchina, riguardandola con gli occhi di una donna adulta, catturata da qualche parte tra passato e presente, e come artista, esplorando la lingua in cui “parlare” da questo spazio incerto.

 Fotografia dalla serie "Bullet", Lalla Essaydi, 2012-2013
Fotografia dalla serie “Bullet”, Lalla Essaydi, 2012-2013

Diversi pezzi del suo lavoro, incluso “Converging Territories“, combinano l’henné, che è tradizionalmente usato per decorare le mani ed i piedi delle spose, con la calligrafia araba, una pratica prevalentemente maschile. Mentre usa l’henné per applicare la calligrafia ai corpi delle sue donne, le parole sono indecifrabili e questo consiste in un tentativo di mettere in discussione l’autorità e il significato. Secondo l’artista, “benché sia ​​la calligrafia che di solito è associata al ‘significato’ (in contrapposizione alla mera decorazione), nel mezzo visivo delle mie fotografie, il ‘velo’ di henné, infatti, esalta l’espressività delle immagini. Tuttavia, allo stesso modo, l’arte maschile della calligrafia è stata portata in un mondo di esperienza femminile da cui è stata tradizionalmente esclusa“.

Fotografia dalla serie "Bullet Revisited", Lalla Essaydi, 2012-2013
Fotografia dalla serie “Bullet Revisited”, Lalla Essaydi, 2012-2013

Les Femmes du Moroc (2005-2006)

Le donne raffigurate nella sua mostra di fotografie, “Les Femmes du Maroc“, sono rappresentate come decorate e confinate dall’arte dell’henné. Lalla Essaydi pone, quindi, i suoi soggetti in un modo che esemplifica le concezioni della società sulle donne come destinate principalmente alla mera bellezza. L’henné, tuttavia, è estremamente simbolico, specialmente per le donne marocchine. È, infatti, legato alle celebrazioni familiari di una ragazza che raggiunge la pubertà e si trasforma in una donna matura. L’uso dell’henné nel suo lavoro crea un’atmosfera silenziosa di donne che “parlano” l’una con l’altra. Oltre alla creazione di pezzi che ruotano intorno all’arte dell’henné, la Essaydi include interpretazioni di elementi tradizionali marocchini, tra cui pieghe drappeggiate di stoffe che adornano i corpi delle donne, il mosaico, le piastrelle e l’architettura islamica.

Fotografia dalla serie "Les Femmes du Maroc", Lalla Essaydi, 2005-2006
Fotografia dalla serie “Les Femmes du Maroc”, Lalla Essaydi, 2005-2006

La serie di fotografie “Les Femmes du Moroc“, commenta le strutture sociali contemporanee, oltre a riconoscere la storia che ha aiutato a costruire le rappresentazioni dell’identità femminile araba. Questo lavoro è una delle sue tre principali serie fotografiche, influenzata dall’arte orientalista, europea e americana del diciannovesimo secolo. Tuttavia, l’artista si appropria di dipinti orientalisti, incorporando un nuovo soggetto e uno stile derivati dalla sua storia personale ed esperienze, per emancipare le donne arabe e per dimostrare una tradizione che è fraintesa per un pubblico occidentale. Il titolo della serie è un’appropriazione di un dipinto dell’artista romantico francese Eugène Delacroix. Pertanto, ogni foto della serie è influenzata dall’arte orientalista che viene poi appropriata.

Fotografia dalla serie "Les Femmes du Maroc", Lalla Essaydi, 2005-2006
Fotografia dalla serie “Les Femmes du Maroc”, Lalla Essaydi, 2005-2006

Guarda anche i modi di vedere la realtà mettendo in discussione i limiti di altre culture e sfidando l’arte orientalista, coinvolgendo tradizione, storia, arte e tecnologia. Con la “Grande odalisca” della serie “Les Femmes du Maroc“, ad esempio, cita il dipinto del pittore francese Jean-Auguste-Dominique Ingres “La Grande Odalisca” (1814), sebbene la sua modella sia vestita.

Fotografia dalla serie "Les Femmes du Maroc", Lalla Essaydi, 2005-2006
Fotografia dalla serie “Les Femmes du Maroc”, Lalla Essaydi, 2005-2006
"La grande odalisca", Jean-Auguste-Dominique Ingres, 1814, olio su tela, 88,9x162,56 cm, Parigi, Museo del Louvre
“La grande odalisca”, Jean-Auguste-Dominique Ingres, 1814, olio su tela, 88,9×162,56 cm, Parigi, Museo del Louvre

Nel mio lavoro, voglio che gli spettatori dei miei dipinti e fotografie siano consapevoli che l’orientalismo è una tradizione voyeuristica, ma voglio anche che apprezzino l’autentica bellezza della cultura che viene rappresentata. Gli artisti orientalisti mondiali incontrati nell’Africa settentrionale erano soffusi di squisita bellezza: nell’architettura, nelle superfici decorative degli spazi, nei tessuti sui mobili e negli abiti femminili. Immagino che tutto ciò sia in netto contrasto con la grigietà della cultura borghese europea dell’epoca” aggiunge l’artista.

Fotografia dalla serie "Les Femmes du Maroc", Lalla Essaydi, 2005-2006
Fotografia dalla serie “Les Femmes du Maroc”, Lalla Essaydi, 2005-2006

Harem (2009)

Come viene descritta dalla stessa fotografa: “la serie Harem è ambientata nei quartieri dell’harem del palazzo Dar al Basha a Marrakech. Il palazzo, che ha richiesto ventotto anni per essere completato, è decorato con mosaico, stucco, vetro colorato e legno intagliato. L’harem è situato proprio nel cuore, dietro una labirintica rete di corridoi e porte massicce. Anche ora, si può percepire la sua atmosfera opprimente di isolamento e occultamento. Preparando questo lavoro, ho trascorso un po ‘di tempo lì, cercando di immaginare come si sentivano le donne che erano state consegnate a questo spazio – e la solitudine, la compagnia e la solidarietà che condividevano. Erano davvero “Sorelle nell’harem”, nascoste come se si trattasse di qualche vergognoso segreto“.

Fotografia dalla serie "Harem", Lalla Essaydi, 2009
Fotografia dalla serie “Harem”, Lalla Essaydi, 2009

Le donne oggi stanno vivendo la tirannia in vari gradi in tutto il mondo arabo. Alcuni regimi nascondono la loro agenda meglio di altri. Questo apartheid di genere non riguarda la pietà. Si tratta di dominare, escludere e subordinare le donne. Si tratta di escluderle dalle attività politiche, impedendo la loro partecipazione attiva nel settore pubblico e rendendo difficile per loro esercitare pienamente i diritti che l’Islam garantisce, come il possedere e gestire la propria proprietà, per esempio. Ho anche sofferto per i media occidentali che insistevano nel dipingermi come una vittima” conclude Lalla,

 Fotografia dalla serie "Harem Revisited", Lalla Essaydi, 2012-2013
Fotografia dalla serie “Harem Revisited”, Lalla Essaydi, 2012-2013

Link

http://lallaessaydi.com/1.html

https://en.wikipedia.org/wiki/Lalla_Essaydi

http://www.jenkinsjohnsongallery.com/artists/lalla-essaydi

http://www.iam-africa.com/cracking-orientalism-code-lalla-essaydi-exhibit-pennsylvania/