Artiste

Namsa Leuba

Namsa Leuba (nata in Svizzera nel 1982 da madre guineana musulmana e padre svizzero protestante) è un’art director e fotografa svizzera originaria della Guinea. Dopo la formazione ricevuta in Svizzera, ha frequentato la School of Visual Arts di New York City. Inoltre, nel 2010 ha vinto il suo primo premio da Planche al festival di fotografia di Deauville.

Fotografia dalla serie "The African Queens", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “The African Queens“, Namsa Leuba

Il suo lavoro si concentra principalmente sull’identità africana vista attraverso gli occhi occidentali, grazie alla sua educazione occidentale. Namsa è un’artista con un enorme talento il cui lavoro contribuisce attivamente alla fioritura continua di lavoro visivo che arriva dal continente africano. I soggetti della maggior parte del suo lavoro sono individui non professionisti e lei sostiene che fa molto del suo casting per la strada.

Fotografia dalla serie "Tonköma" , Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Tonköma” , Namsa Leuba

A cavallo tra l’incarnato e l’intangibile, le sue modelle da strada, infatti, incanalano il punto d’incontro tra le sue due realtà. Alcuni guineani considerano le immagini come una violazione di una tradizione ben definita, suscitando domande sul fatto che le diverse culture possano, in realtà, armonizzarsi.

Fotografia dalla serie "The African Queens", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “The African Queens“, Namsa Leuba

Namsa è decisamente una delle fotografe svizzere di punta. Un’artista capace di creare immagini che intersecano generi diametralmente opposti – nei suoi lavori moda, fotografia documentaria e fotografia artistica convivono perfettamente – e di mettere radicalmente in discussione i cliché associati alla rappresentazione della cultura africana nei paesi occidentali.

 Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba
Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba

Nelle sue fotografie cerca di appropriarsi di tutta una serie di codici e simboli appartenenti alla cultura africana e occidentale per stabilire un dialogo con le sue origini. Prova a trovare una riconciliazione a queste due identità in perenne conflitto in una sorta di sincretismo culturale e, allo stesso tempo, cerca di mettere in discussione e di mostrare tutta l’ambiguità intrinseca all’etnocentrismo.

Fotografia dalla serie "The African Queens", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “The African Queens“, Namsa Leuba

Nelle mie fotografie cerco di appropriarmi di tutta una serie di codici e simboli appartenenti alla cultura africana e occidentale per stabilire un dialogo con le mie origini. Provo a trovare una riconciliazione a queste due identità in perenne conflitto in una sorta di sincretismo culturale e, allo stesso tempo, cerco di mettere in discussione e di mostrare tutta l’ambiguità intrinseca all’etnocentrismo“, racconta Namsa.

Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba
Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba

“Mi interessa anche moltissimo l’attribuzione di poteri mistici o religiosi a oggetti inanimati – i cosiddetti feticci. I miti, la forza della natura e quella cultura potente, profonda e intuitiva che sta alla base dell’identità africana sono per me fonte costante di ispirazione. Ricontestualizzando elementi e simboli africani attraverso le lenti della mia macchina fotografica, e quindi in una cornice prettamente occidentale, li trasformo radicalmente“, prosegue.

Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba
 Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba

E prosegue, “per esempio una delle mie prime serie era una rimessa in scena di alcuni momenti storici del movimento politico americano dei Black Panther: avevo deciso di usare solamente modelli svizzero-americani e ho fatto una scelta stilistica per cui la grana della foto era molto visibile: sembravano fotografie scattate 40 anni fa. E non è un evento isolato: la serie Zulu Kids è ispirata alla gestualità dell’apartheid“.

Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba
Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba

Recentemente parte della vetrina “The Female Gaze” – un sottoinsieme del primo Photo Vogue Festival tenutasi a Milano – e Paris Photo, Namsa mescola culture, neutralizzando il genere.

Fotografia dalla serie "The African Queens", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “The African Queens“, Namsa Leuba

Ognuno ha il proprio stile. Penso che nell’arte tu sia scelto perché a qualcuno piacciono le tue cose; altrimenti scelgono qualcun altro. Le donne hanno il loro posto ora. Mostriamo un’altra sensibilità e punto di vista delle immagini. È bello che ci siano sempre più donne sulla scena ora” commenta l’artista.

Ya Kala Ben

Fotografia dalla serie "Ya Kala Ben", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Ya Kala Ben“, Namsa Leuba

Ya Kala Ben” è una delle opere più famose di Namsa Leuba. Ha realizzato questo progetto durante un viaggio a Conakry, in Guinea, dove si è interessata alla costruzione e alla distruzione di corpi. Per questo progetto ha studiato delle statuette dal significato cerimoniale, che h poi ha ricontestualizzato attraverso una prospettiva occidentale. Mentre lavorava al progetto, a volte incontrava violente reazioni da parte dei guineani che vedevano il suo lavoro come un sacrilegio. Alcuni erano spaventati e altri erano stupefatti. È stata persino arrestata, a un certo punto, durante il progetto.

Fotografia dalla serie "Ya Kala Ben", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Ya Kala Ben“, Namsa Leuba

Le immagini di questa serie raffigurano cerimonie mascherate, pratiche di esorcismo, oltre ad acrobati che si contorcono in forme uniche. La tavolozza dei colori dei suoi pezzi è desaturata con una composizione classica. I verdi sono comuni nelle sue foto così come gli aranci e i rossi. Molte immagini sono anche in bianco e nero. Le immagini tendono a concentrarsi su un soggetto, molti dei quali sono centrati nella foto, spesso mostrando l’intera figura.

Fotografia dalla serie "Ya Kala Ben", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Ya Kala Ben“, Namsa Leuba

Un’altra immagine, nome sconosciuto, mostra una donna su uno sfondo boscoso. È dipinta dal busto in rosso e indossa una gonna rossa con volant bianchi sui bordi e verso il centro.

Weke

La serie fotografica che ha presentato per LensCulture è stata scattata nella Repubblica di Benin e raffigura narrative immaginate ispirate dalle tradizioni animiste locali del vodun (voodoo). Il titolo della serie, “Weke“, significa “l’universo visibile e invisibile, tutte le cose create, viventi, che respirano o meno” nella lingua del posto.

Ispirata dai codici visivi e i simboli del voodoo, Leuba ha costruito una serie fotografica performativa. Procurandosi modelli e creando costumi unici, rimette in scena rituali importanti che danno come risultato un ritratto fittizio di nuovi tipi di comunità.

Fotografia dalla serie "Weke", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Weke“, Namsa Leuba

È il terreno fertile che l’artista usa anche per riflettere su se stessa e la sua identità come donna guineana/svizzera, la politica dello sguardo e il concetto dell’altro (esotico). E infine, l’influenza che una prospettiva occidentalizzata ha su tutto questo. Tutto viene espresso nel suo stile visivo distintivo e caratteristico. La mia preferita in assoluto di questo concorso e, nel complesso, un bel corpo di lavoro.

NGL

Fotografia dalla serie "NGL", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “NGL“, Namsa Leuba

NGL” è un acronimo che sta per “Next Generation Lagos” e il lavoro ha fatto il suo debutto all’Armory a NY. L’ha concepito durante una residency all’Art Twenty One di Lagos, città che con la sua anima caotica e la sua energia l’ha ispirata immensamente tanto da diventare la protagonista della serie. Ha collaborato con stilisti e modelli locali e ha creato una rappresentazione psichedelica e surrealista che incarna la sua  visione di questa metropoli.

Fotografia dalla serie "NGL", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “NGL“, Namsa Leuba

Tonköma

Fotografia dalla serie "Tonköma" , Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Tonköma” , Namsa Leuba

Questo progetto è stato creato per Edun, un marchio di moda fondato da Ali Hewson e Bono. Il titolo “Tonköma“, che significa “alzarsi in piedi“, è stato ispirato dal Nyamou in Guinea. Secondo un’intervista in i-d Vice, questi “diavoli” – che sono raffigurati come un gruppo di mascherate a pugni – proteggono la foresta sacra dagli spiriti maligni e comunicano con gli antenati. I tessuti utilizzati nelle foto panoramiche sul tetto, scattate a Johannesburg, mostrano una netta somiglianza con quelli trovati in queste foreste della Guinea.

Fotografia dalla serie "Tonköma" , Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “Tonköma” , Namsa Leuba

The African Queens

Fotografia dalla serie "The African Queens", Namsa Leuba
Fotografia dalla serie “The African Queens“, Namsa Leuba

Per la maggior parte dei creativi, avere l’opportunità di lavorare con un titolo / rivista noto è un desiderio che diventa realtà. Namsa non solo ha avuto lo spazio per mostrare il suo lavoro, ma ha anche avuto il controllo creativo sul progetto. Ha creato questa rappresentazione dell’alta moda di statuette africane per The Cut. Questa rivista di New York le ha inviato un bagaglio di abiti firmati e le ha dato carta bianca sul tema e sul sentimento dell’editoriale. Girato a Parigi, ha selezionato modelle dalla strada per incanalare gli attributi associati alle regine africane come la supremazia, la protezione, la fecondità e la vivacità.

Fotografia dalla serie “The African Queens“, Namsa Leuba

WAD magazine n° 53 / Cocktail 

Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba
Fotografia per WAD magazine n° 53 / Cocktail, Namsa Leuba

Secondo il Lagos Photo Festival questa serie “infonde moda e ritrattistica per commentare la rappresentazione del corpo femminile in Africa oggi“. Creato per WAD Magazine nel 2012, la serie esplora gli archetipi femminili fantastici, immaginari e commercialmente fattibili. L’uso di sfondi colorati e oggetti di scena come leopardi in porcellana, copricapi piumati e corna di toro esamina l’immaginario culturale di “Africa”.

Link

http://www.namsaleuba.com/

https://en.m.wikipedia.org/wiki/Namsa_Leuba

https://www.lensculture.com/2018-lensculture-exposure-award-winners

https://www.istantidigitali.com/namsa-leuba/

https://www.google.com/amp/s/www.vogue.it/fotografia/fotografi-emergenti/2016/02/26/namsa-leuba%3famp

https://www.google.com/amp/s/i-d.vice.com/amp/en_us/article/mbvqnn/namsa-leubas-bright-portraits-splice-guinean-spirituality-and-fashion

https://tdsblog.com/namsa-leuba/