Artiste

Bex Day

Lo sguardo crudo e onesto di Bex Day, giovane fotografa londinese, tocca temi come il genere, l’identità e la non conformità. La sua visione unica può fondere la moda impeccabile e l’estetica documentaria in un nuovo mix rinfrescante, che cattura sicuramente l’occhio abituato a perdersi nel mare di immagini omogenee.

Fotografia dalla serie "Portraiture", Bex Day
Fotografia dalla serie “Portraiture“, Bex Day

Lo stile della fotografa cattura luoghi unici e soggetti insoliti in momenti di sorpresa. Specializzata in personaggi intriganti e soggetti di strada, il suo interesse è nel gender e nelle sottoculture – dai travestiti ai motociclisti e così via.

   Fotografia dalla serie "Snails", Bex Day per Vogue Italia
Fotografia dalla serie “Snails“, Bex Day per Vogue Italia

Bex seleziona i suoi soggetti non per taglia o per genere, ma in base al loro aspetto unico, alla personalità e ad una connessione emotiva nei loro confronti. La giovane fotografa si allontana dalle immagini digitali ritoccate in favore dell’onestà e della realtà che viene dal comune. Il suo lavoro è impegnativo e crudo, cattura l’individualità al suo meglio e il più accattivante.

Fotografia di Bex Day
Fotografia di Bex Day

Nella sua breve, ma compiuta, carriera scatta una gamma diversificata di tipi di corporatura e aspetto, sostenendo gli aspetti della normalità che ci completano come umani. Dato il pesante editing e la cura che ci si aspetta dall’industria dell’immagine, il corpo di lavoro di Bex è un esercizio di autenticità. Fotografando principalmente su pellicola analogica, ha una rigida politica di ritocco, preferendo sfidare le norme sociali in materia di standard di bellezza.

Fotografia di Bex Day
Fotografia di Bex Day

Le immagini deliziosamente candide e colorate della fotografa britannica Bex Day potrebbero ricordare i personaggi e le ambientazioni strane e meravigliose che appaiono nel lavoro di Diane Arbus, Martin Parr o Harmony Korine. Eppure, qui c’è meno retrogusto di critica sociale o istantanea voyeuristica e, piuttosto, una celebrazione contemporanea e sicura della diversità, della fluidità di genere e della libertà di scelta.

  Fotografia dalla serie "The Naturists", Bex Day per Twin Magazine
Fotografia dalla serie “The Naturists“, Bex Day per Twin Magazine

Il suo lavoro ha la capacità di raccontare una storia completa, un fattore aiutato da sfondi, personaggi, illuminazione e posizionamento accuratamente selezionati. Niente è casuale. C’è molto da scoprire e allo spettatore è permesso, anche incoraggiato, di assaporare uno sguardo su quello che sta succedendo e chi lo sta facendo accadere. Questo sguardo può essere persino conflittuale, controverso, ma negli scatti di Bex è anche un invito, non solo da parte sua, ma anche da chi viene fotografato. L’artista sfrutta questa opportunità, con una visione iper-dettagliata, acuta e sorprendente di forme alternative e assolutamente legittime di normalità.

Fotografia di Bex Day
Fotografia di Bex Day

Le sue fotografie esplorano la bellezza del non raffinato ed espongono le vulnerabilità delle emozioni umane. Non c’è niente di banale che sia portato alla luce o raffigurato come eccitante attraverso l’uso quotidiano delle persone comuni nei suoi scatti. Piuttosto, queste persone comuni, a cui lei stessa si è sentita fortemente legata, lasciano allo spettatore un accesso così aperto a una connessione parallela, allo stesso tempo, sconvolgente e affascinante.

Fotografia di Bex Day
Fotografia di Bex Day

La fotografa ha girato una serie che celebra la comunità transgender del Regno Unito per Adobe Stock, in occasione della Giornata internazionale della visibilità transgender il 31 marzo 2018. Con lo scopo di affrontare la mancanza di persone transgender rappresentate nella fotografia, la serie si concentra su dieci persone trans di varie età e sfondi, girati a Londra e Berlino.

 Fotografia di Bex Day per Adobe Stock
Fotografia di Bex Day per Adobe Stock

Personalmente volevo creare un corpus di lavoro che fosse empatico e sensibile alla comunità transgender“, dice Bex a It’s Nice That. “Volevo fare foto che fossero rappresentative e autentiche, che provassero sentimenti e compassione nei confronti di una comunità sottorappresentata“.

Fotografia di Bex Day per Adobe Stock

Poiché il mondo si sta evolvendo rapidamente, è importante che i collaboratori (fotografici) continuino a documentare gli affari correnti, specialmente quelli che possono fare la differenza” specifica la fotografa.

Fotografia di Bex Day per Adobe Stock

Un filo conduttore costante di gran parte del suo lavoro è la voglia di raccontare storie che sono spesso trascurate dai media mainstream, anche da piattaforme più progressive.

Fotografia di Bex Day per Adobe Stock

Hen

I redattori dell’Accademia svedese, l’organismo incaricato di supervisionare la lingua ufficiale del paese, hanno ricevuto apprezzamenti in tutto il mondo nel 2015 quando ha deciso di aggiungere un nuovo pronome al dizionario. “Hen” in svedese è il pronome neutro rispetto al genere che ha trovato un posto accanto a “han” (lui) e “hon” (lei) nel lessico ufficiale.

 Fotografia dalla serie "Hen", Bex Day, 2019
Fotografia dalla serie “Hen“, Bex Day, 2019

Mentre le comunità transgender stanno guadagnando indubbiamente visibilità, c’è ancora molto lavoro da fare per essere rappresentati in una società tradizionale. La falsa rappresentazione, la sotto-rappresentazione o anche l’assenza completa di entrambi, sono tutti problemi sistemici che interessano un numero enorme di persone. Mentre alcuni scelgono di starsene seduti in silenzio, altri usano la loro abilità artistica per effettuare cambiamenti.

 Fotografia dalla serie "Hen", Bex Day, 2019
Fotografia dalla serie “Hen“, Bex Day, 2019

Non c’era – e non c’è ancora – sufficiente visibilità della matura comunità transgender nei media“, dice Bex a Refinery29. “Ho potuto vedere che tutte le persone coinvolte avevano storie affascinanti da raccontare, in particolare educatori come Stephen Whittle (OBE) che ha co-fondato il gruppo transattivista Press For Change, con cui abbiamo collaborato per Hen“.

 Fotografia dalla serie "Hen", Bex Day, 2019
Fotografia dalla serie “Hen“, Bex Day, 2019

Hen“, che raffigura persone transgender sopra i quarant’anni, è solo l’ultimo esempio nel suo portfolio. “Ho notato che c’era una mancanza di persone transgender più anziane nei media“, spiega Bex, “e volevo dare loro una voce e un’eredità“.

 Fotografia dalla serie "Hen", Bex Day, 2019
Fotografia dalla serie “Hen“, Bex Day, 2019

Lei crede che in generale non ci sia abbastanza consapevolezza delle “lotte che la comunità transgender più anziana ha dovuto affrontare in un momento in cui era molto meno accettato essere transgender. Non c’è quasi abbastanza riconoscimento delle loro storie e del loro passato“.

Link

http://www.bexday.com/

https://weart.co/bex-day/

https://www.coeval-magazine.com/coeval/bex-day

https://www.ignant.com/2018/09/19/photographer-bex-day-creates-honest-portraits-about-difference/

https://www.refinery29.com/en-gb/transgender-photography-over-40-bex-day

https://www.dazeddigital.com/art-photography/article/39509/1/untouched-images-depicting-uk-s-transgender-community

https://i-d.vice.com/en_uk/article/zm8n78/photography-guide-bex-day

https://www.itsnicethat.com/news/bex-day-transgender-adobe-stock-photography-280318

https://www.itsnicethat.com/features/bex-day-hen-photography-exhibition-260319

https://www.vogue.it/en/photography/photostories/2017/03/29/bex-day-portfolio/